Il Matese, una terra che decolla grazie ai piccoli progetti partiti dal nulla

Stiamo assistendo ad un cambiamento, nonostante le difficoltà il Matese continua a riscattarsi. E’ una riflessione che facevo mentre ascoltavo Antonietta Melillo parlare della sua esperienza di coltivazione e recupero della Cipolla Alifana a “Geo”, trasmissione televisiva su Rai 3, proprio ieri pomeriggio. Il Matese si sta riscattando grazie a tante persone come lei che in maniera del tutto autonoma hanno fatto ricerca scegliendo di valorizzare le produzioni locali, di ridare vita alla terra esportando ciò che hanno costruito da soli e presentando il territorio dell’alto casertano al mondo. Sono tutte piccole realtà fatte di persone che hanno rimboccato le maniche e con entusiasmo stanno portando avanti il loro piccolo grande progetto per il territorio, senza aiuti e senza particolari guide, coadiuvati talvolta solo da chi come loro ci crede. Penso per esempio a Franco Pepe, che non solo ha valorizzato il centro storico di Caiazzo, ma ha creato una rete di aziende che forniscono i prodotti di qualità del territorio che lui valorizza attraverso l’arte della pizza. E’ stupendo, semplice, segno che aiutandosi vicendevolmente si può. Senza troppi fronzoli.

Il Matese è un territorio fantastico, ricco di borghi straordinari, ricco di arte e cultura, ricco di storia e noi tutti abbiamo il dovere civile e morale di sostenerlo così come ha fatto chi ci ha preceduto. Dopo anni di assenza finalmente torniamo ad essere fieri davanti allo scenario bello e trasparente che si affaccia, perché a vincere non è solo la singola azienda o il singolo produttore ma tutti i luoghi e tutte le persone. Sta rivivendo il Pallagrello, un vino millenario, come l’olio da olive estratto dalla Tonda del Matese, cultivar autoctona dell’alto casertano che perlopiù cresce in montagna. Tutto grazie a persone autentiche che hanno investito e creduto in questa Terra, che fra mille difficoltà sono riusciti nell’impresa di affermarsi ed oggi esportano la storia e la cultura gastronomica nell’Italia e nel mondo.

Sono le imprese agricole ma anche le Associazioni, i volontari, le singole persone che si mobilitano, i comitati, i commercianti, insomma c’è una nuova partecipazione: almeno io percepisco questa brillante vena di entusiasmo. Come se tutti finalmente avessero capito, seguendo validi esempi, che le cose si possono fare dal nulla e con poco. Indispensabili sono soltanto l’amore vero per la propria terra, la passione, il desiderio di riscatto e la voglia di credere in quello che si fa. E’ necessario perciò ringraziare coloro che ci hanno creduto e che sono motivo d’orgoglio per il Matese, con l’augurio che possano continuare a crescere ed offrirsi come “ponti” verso la conoscenza, la speranza, invitando anche i più giovani a servirsi di loro e della loro esperienza per compiere il proprio percorso.

La foto di apertura è di Vincenzo Nisio e ritrae una veduta del Lago Matese scattata dall'azienda agricola Loffreda Paola, ad oltre 1000 m s.l.m.


di Vincenzo Nisio - tutti i diritti riservati

Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

POST PIU' POPOLARI

Attenzione al processo di estrazione dell’olio e alla conservazione. Il frantoio non va sottovalutato

Prima o poi dovrà finire, è solo questione di tempo. La testimonianza di un pastore del Matese in un video di Alessandro Santulli

L'amaro mondo dell'olio

A macchia d’olio, una bella antologia

Ma voi dove lo comprate l'olio?